Chiudi

Notizie

Sanità, parte un sondaggio dell’ass 5

Palmanova: saranno intervistate le persone di età compresa fra

28 luglio 2007

Il Messaggero Veneto

Il Dipartimento di prevenzione dell’Ass 5 “Bassa Friulana” ha aderito allo studio “Passi”. Si tratta di un sistema per raccogliere informazioni sui comportamenti che possono influenzare la salute dei singoli cittadini, come abitudini alimentari, fumo, attività fisica. “Passi” nasce da un’iniziativa del ministero della Salute e delle Regioni. Attorno a questo studio, si impegnerà un gruppo di lavoro composto da un coordinatore aziendale (Silla Stel) e quattro intervistatrici (le assistenti sanitarie Onelia Battiston, Patrizia Bernardis, Patrizia Brunetti, Michela Paravano). Spiega la coordinatrice Stel: «Lo studio si inserisce nell’ambito delle attività politiche e sanitarie intraprese in Italia per promuovere la prevenzione. L’adozione di stili di vita non corretti oggi viene infatti considerata una vera e propria emergenza sanitaria, che comporta l’aumento di rischio di malattie cardiovascolari, tumori e diabete. Gli argomenti scelti per lo studio includono: attività fisica, fumo, alimentazione, consumo di alcol, sicurezza stradale, ipertensione e ipercolesterolema, screening del cancro della mammella, del collo dell’utero e del colon retto. Inoltre saranno raccolti dati su alcune variabili demografiche e sulla percezione dello stato di salute». Per effettuare l’indagine, verranno svolte interviste telefoniche a un campione di persone tra i 18 e 69 anni, scelte a caso tra quelle assistite dall’Ass 5. Precisa Silla Stel: «Gli utenti ai quali verrà fatta l’intervista riceveranno prima una lettera informativa e poi verranno contattati telefonicamente. Si tratta di domande semplici che impegneranno l’intervistato per circa 15-20 minuti. Rispondere alle domande è anche un modo per collaborare con la propria azienda sanitaria per realizzare interventi utili alla promozione della salute. La predisposizione dello studio ha coinvolto dei medici di medicina generale, dei farmacisti e dei 32 sindaci del territorio». Monica Del Mondo

Aggiornata il 16 maggio 2013