Chiudi

Notizie

Roma 11 maggio 2006 forum p.a. integrazione socio sanitaria – l’evoluzione dei servizi e la definizione di livelli essenziali di qualita’ partecipa la delegazione di federsanita’ a.n.c.i. f.v.g. il presidente nazionale fioroni: necessario verificare enti

10 maggio 2006

Nell’ambito delle manifestazioni convegnistiche del FORUM PA di Roma si è tenuta una importante iniziativa per il decennale di fondazione di FEDERSANITÀ ANCI con un particolare approfondimento per quanto attiene l’ “Integrazione socio – sanitaria – L’evoluzione dei servizi e la definizione dei Livelli Essenziali di Qualità”. Per la nostra Regione ha partecipato la delegazione di Federsanità ANCI FVG composta dal Presidente dott. Giuseppe Napoli, dal Vice Presidente e Direttore generale dell’A. S. S. 6 dott. Fabrizio Oleari, dal Direttore generale dell’ Azienda ospedaliera di Pordenone dott. Paolo Saltari e dal dott. Daniele Cortolezzis Assessore alle Politiche sociali del Comune di Udine.

 

Dopo aver ricordato i 10 anni dalla fondazione di FEDERSANITA’ ANCI si è passato ad approfondire un tema di grande attualità quale l’ integrazione dei servizi e i livelli essenziali di qualità. Tra gli interventi più significativi, da ricordare quello dell’ex ministro Guzzanti, dell’Assessore alla Salute della Calabria e del dott. Oleari il quale ha tracciato un sintetica analisi dei cambiamenti di questi ultimi tempi.

 

La riunione, presieduta dai vice Presidenti nazionali di Federsanità dott. Mengozzi e Carenzi, si è chiusa con un puntuale intervento del Presidente nazionale dott. Giuseppe Fioroni il quale si è così espresso.

“Per la Corte dei Conti il risparmio di 2,5 miliardi di euro previsto dalla legge Finanziaria sulla spesa sanitaria non è di facile realizzazione¨. Queste le parole del Presidente Federsanità ANCI, Giuseppe Fioroni nella sua relazione conclusiva al convegno sul decennale della Federazione organizzato nell’ambito di Forum P. A. Proprio oggi la Corte dei Conti nella sua relazione sulle coperture delle leggi approvate nell’ultimo quadrimestre dello scorso anno ha lanciato un allarme sull’andamento della finanza pubblica. Dalla relazione emerge che la spesa pubblica continua a crescere e ad influire, secondo la Corte, sono soprattutto le uscite della sanità. Il Presidente Federsanità ANCI ha quindi ribadito con forza alcune questioni che devono essere sanate. “La prima necessità – ha detto - è quella di verificare la situazione debitoria all’interno del sistema sanitario nazionale. L’importanza di stabilire l’entità del debito e di individuare le forme per sanarlo sono un requisito indispensabile perché nel nostro Paese si possa cominciare ad individuare un rapporto diretto tra la spesa, la programmazione e gli obiettivi da raggiungere. Se non perseguiremo questi obiettivi – ha continuato Fioroni – continueremo ad andare avanti inseguendo in ogni Finanziaria incrementi del fondo sanitario nazionale che, se da un lato potrebbero essere funzionali al ripiano del debito, non necessariamente potrebbero garantire quel miglioramento della qualità e della quantità dei servizi da assicurare ai nostri malati”. Al termine della sua relazione, per i dieci anni dalla fondazione di Federsanità ANCI, il Presidente ha voluto ricordare che la federazione “gioca un ruolo importante nella sanità del nostro Paese. E’ stata un’intuizione utile al sistema – ha detto - nel corso di questi anni è migliorata e cresciuta, e credo che oggi – ha concluso Fioroni- Federsanità sia matura per poter svolgere nel nostro sistema paese un lavoro importante in sinergia con le Regioni e con quanti altri vi operano”.

 

 

 

Aggiornata il 16 maggio 2013