Chiudi

Notizie

Salute: approvato regolamento per fondo non autosufficienti

12 gennaio 2007

Data: 12/01/2007

Trieste, 12 gen - La Giunta regionale, su proposta dell'assessore alla Salute e alla Protezione sociale Ezio Beltrame, ha approvato oggi il regolamento dell'articolo 41 della legge regionale 6 del 2006 sui diritti di cittadinanza sociale, con il quale viene istituito il fondo per i non autosufficienti denominato 'Fondo per l'autonomia possibile e l'assistenza a lungo termine'.

Il testo del regolamento sarà ora inviato alla Terza commissione del Consiglio regionale e alla Conferenza permanente dei sindaci.

'Il Fondo per i non autosufficienti - ha dello Beltrame nella conferenza stampa di fine Giunta - è uno degli elemento portanti della legge 6. Mi auguro che il regolamento possa diventare operativo nel giro di qualche settimana, dando un aiuto importante alle persone e alle famiglie della regione'.

Con l'articolo 41 della legge 6, ha ricordato Beltrame, vengono unificate le norme previste da tre leggi precedenti (tra cui quella sulle badanti) per l'aiuto alle famiglie che assistono non autosufficienti, e sostituite da uno strumento unico, snello, flessibile, orientato ai bisogni delle persone, che prevede sia servizi sia interventi monetari.

L'obiettivo è in sostanza sostenere le capacità delle famiglie ad affrontare autonomamente l'assistenza di un proprio componente in difficoltà, mettendo a disposizione le risorse e gli strumenti necessari. Nello stesso tempo con il nuovo Fondo ci si propone di rafforzare la possibilità per le persone non autosufficienti di rimanere nella propria casa, costruendo una rete di assistenza domiciliare integrata.

È previsto anche un aumento complessivo delle risorse per questo tipo di interventi, che passano dagli 11,5 milioni di euro del 2006 ai 20 milioni di quest'anno (ed erano solo 7-8 milioni nel 2005). Sarà così possibile sostenere a domicilio un numero più che doppio di anziani in Friuli Venezia Giulia, da 2 mila a oltre 4 mila, e circa 500 disabili. Si aggiunge inoltre un progetto sperimentale dedicato per la prima volta al disagio mentale.

Il regolamento stabilisce che potranno accedere alle risorse e ai servizi previsti dal Fondo per i non autosufficienti, in base al bisogno accertato (la gravità del problema), le famiglie che abbiano una soglia ISEE (Indicatore di situazione economica equivalente) pari a 35 mila euro.

ARC/PF

Aggiornata il 16 maggio 2013