Chiudi

Notizie

Welfare - operativa l’intesa comuni-asl-medici generalisti sull’emergenza caldo/anziani

24 luglio 2006

Il Protocollo di Intesa firmato l’11 luglio scorso tra il Ministero della Salute, le Regioni, l’ANCI (rappresentata dal delegato per il Welfare, Graziano Delrio) e le organizzazioni sindacali dei medici di medicina generale per contrastare e contenere gli effetti dannosi delle ondate di caldo sulla salute della popolazione anziana a rischio nonché per consolidare, in tale fase di criticità, il rapporto tra Comuni e medici di medicina generale (consolidamento ritenuto obiettivo strategico) è ormai entrato nella fase operativa. Secondo il Protocollo di Intesa, al fine di consentire agli anziani a rischio di vivere serenamente la stagione del caldo, il MMG si impegna da un lato a comunicare sistematicamente al comune e all’Azienda USL l’elenco aggiornato dei propri assistiti in condizione di rischio, in particolare quelli in età pari o superiori a 75 anni, dall’altro ad informare gli stessi assistiti sui servizi o numeri verdi attivati dagli Enti locali, cui rivolgersi in caso di necessità. Nei confronti degli anziani a rischio così individuati, il medico di medicina generale effettuerà inoltre il monitoraggio delle condizioni attraverso controlli telefonici periodici e tramite accessi eseguiti in assistenza domiciliare programmata, sulla base di quanto previsto dai relativi indirizzi ed accordi regionali. Il Comune, anche in collaborazione con le organizzazioni di volontariato operanti sul territorio, si impegna a sua volta ad organizzare un adeguato servizio di sostegno agli anziani a rischio sottoposti a monitoraggio. Sarà ora importante verificare l’efficacia di tale Protocollo a tutela della salute delle persone “fragili”: in particolare, i Comuni potranno segnalare all’ANCI le criticità ovvero, si spera, i positivi risultati conseguiti attraverso la concreta attuazione del Protocollo di Intesa.

 

fonte: anci nazionale

 

Aggiornata il 16 maggio 2013