Chiudi

Notizie

vaccini influenza a/h1n1: federsanità e anci sostengono la campagna della regione e informano i comuni sui contingenti minimi per i dipendenti dei comuni. dati entro 10 settembre

Redazione -

2 settembre 2009

In merito alla campagna di vaccinazioni per contrastare i rischi della diffusione dell'influenza A/H1N1 la Regione Friuli Venezia Giulia si è attivata nei mesi scorsi per definire il piano degli interventi e coinvolgere tutti i soggetti interessati, nonché  predisporre i " contingenti minimi". Al riguardo si prevede che in regione verrà vaccinata una persona su tre. La campagna vaccinale nazionale per l'influenza pandemia prevede l'immunizzazione del 40% della popolazione e inizierà allorquando il vaccino sarà disponibile, una prima parte presumibilmente nella seconda metà di novembre e una seconda nei primi mesi del 2010. I criteri di scelta dei gruppi target della vaccinazione pandemica convergono, anche a livello europeo e internazionale nella direzione di offrirla prioritariamente, in prima battuta, a: i soggetti a rischio perchè affetti da patologie croniche gravi;

il personale sanitario che deve garantire le prestazioni assistenziali;

il personale che garantisce gli aspetti di sicurezza del Paese (vigili del fuoco, polizia, protezione civile, etc); il personale che garantisce la continuità dei servizi cosiddetti essenziali (acqua, energia, telecomunicazioni, rifiuti, etc).

Al fine di identificare puntualmente il numero di soggetti cui offrire il vaccino in via prioritaria (contingenti minimi) e predisporre gli opportuni interventi, la Direzione centrale salute e protezione sociale del Friuli Venezia Giulia ha fatto pervenire nei giorni scorsi ad ANCI e Federsanità ANCI FVG la richiesta di informare adeguatamente tutti i 218 Comuni del Friuli Venezia Giulia. Al riguardo i presidenti delle due associazioni, Gianfranco Pizzolitto e Giuseppe Napoli, hanno inviato tempestivamente la comunicazione a tutti i sindaci e assessori alle politiche sociali con l'indicazione di inviare i dati richiesti, relativamente a decisori e dipendenti comunali, entro il 10 settembre (referente regionale prevenzione e promozione salute: dott. ssa Clara Pinna tel. 040-3775683; referente pratica: dott. ssa Paola Saltini – tel. 040-3775576).

Tra le categorie target vi sono come prima priorità anche il personale a contatto diretto con i pazienti (RSA, case di riposto), servizi socioassistenziali domiciliari (SAD) e, come seconda priorità, anche il personale delle case di riposo, distretti sanitari e dipartimenti territoriali non a diretto contattato con gli utenti  (RSA, polizia municipale, etc.); il personale addetto ai servizi essenziali, alla sicurezza e all'emergenza (decisori chiave) e il personale addetto ai servizi di pubblica utilità (addetti ai trasporti di pubblica utilità, addetti ai servizi di pubblica utilità (energia, igiene urbana, acquedotti), contingenti minimi personale e volontari della Protezione civile, polizia municipale ed altre forze di polizia.

L'argomento sarà esaminato dall'Esecutivo dell'ANCI FVG in occasione della riunione di mercoledì prossimo, 2 settembre, al riguardo interverrà il presidente di Federsanità ANCI FVG, Giuseppe Napoli. Nella stessa giornata si terrà anche l'incontro con le organizzazioni sindacali dei pensionati.

Aggiornata il 16 maggio 2013