Chiudi

Notizie

Giovedì 14 giugno all'Ospedale di Udine (inzio 9.30), convegno "Dementia Friendly Community. Vivere con l'Alzheimer", esperienze e buone pratiche per costruire comunità più accoglienti per le persone anziane.

REDAZIONE

5 giugno 2018

In Italia si stima oltre un milione le persone colpite da demenza e tre milioni i familiari che vivono con loro. In Friuli Venezia Giulia sono circa venti mila le persone affette da demenza e malattia di Alzheimer, oltre 5.000 nella provincia di Udine. Purtroppo, questi dati sono destinati a crescere, a seguito dell’invecchiamento della popolazione. Si tratta di patologie che coinvolgono pesantemente non solo le persone, ma anche i loro familiari, nel quotidiano, a livello fisico e psicologico. Per rispondere adeguatamente a queste esigenze è fondamentale promuovere il miglioramento degli interventi, non solo per gli aspetti terapeutici specialistici, ma anche per accompagnare il malato e i suoi familiari in tutto il percorso di cura. Sono proprio questi gli obiettivi del convegno “Dementia friendly community. Vivere con l’Alzheimer. E’ possibile costruire una comunità amica delle persone con demenza ? " che si terrà giovedì 14 giugno, con inizio alle ore 9.30, presso la Sala polifunzionale dell'Ospedale di Udine ( sotto la Chiesetta S.M.M.).
L'iniziativa è di Federsanità ANCI FVG, Ordine dei Giornalisti FVG, ASUIUD, Coordinamento Associazioni Alzheimer FVG, Comune di Udine Associazione Alzheimer Udine e altri partner quali CARD FV, Ordine degli Assistenti sociali FVG, Ordini dei medici e degli infermieri della provincia di Udine, Centro Servizi Volontariato, Invecchiamento attivo FVG etc.
“Lo scopo è quello di far sì che le persone si sentano sempre parte della comunità in cui vivono e possano parteciparvi attivamente - spiega Gabriella Salvini Porro presidente di “Alzheimer Italia”. La “comunità amica” si adopera per preservare l’indipendenza e il vivere attivo dei malati e dei loro familiari, coinvolgendoli per identificare gli aspetti della quotidianità da conservare e quelli da migliorare, le difficoltà che incontrano nel vivere gli spazi pubblici, favorirne il benessere”. Le prime esperienze di “Dementia friendly community” sono state realizzate in Giappone (2004), quindi nel Regno Unito (dal 2012), Australia, Canada, India, Indonesia, Irlanda, Olanda, Scozia e Sri Lanka. In Italia sono una decina i Comuni che hanno aderito tra cui Abbiategrasso e (Milano), Monza Giovinazzo (Bari), Val Pellice (Torino), Conegliano (Treviso) e se ne stanno aggiungendo altre tra cui Trieste e non solo dove a fine maggio si è tenuto un convegno nazionale.

"L’evento all'Ospedale di Udine, costituisce, pertanto, una notevole opportunità per confrontare le proposte ed esperienze dei diversi protagonisti della rete sociosanitaria, i Comuni, le Aziende sanitarie, gli esperti, le Associazioni, le Aziende Pubbliche Servizi alla Persona, le farmacie, etc. perchè tutti insieme possiamo impegnarci per un progetto di comunità per migliorare le condizioni di vita di queste persone e delle loro famiglie" - illustra il presidente di Federsanità ANCI FVG, Giuseppe Napoli.
Il programma del convegno prevede: i saluti del direttore Generale ASUIUD, Mauro Delendi, del rappresentante del Comune di Udine, dei presidenti di Federsanità ANCI FVG, Giuseppe Napoli, dell'Ordine dei Medici, Maurizio Rocco, e degli Infermieri, Stefano Giglio.Introdurrà il convegno Cristiano Degano, presidente dell' Ordine Giornalisti FVG su “Alzheimer e demenze : il ruolo dei media per una corretta informazione e per sensibilizzare l’opinione pubblica”), quindi la relazione centrale “ "Vivere sereni in una visione parziale" sarà tenuta da Vincenzo Marigliano, ordinario di geriatria e gerontologia Università La Sapienza. Roma.
Sulle “buone pratiche” già realizzate nell'ambito della rete internazionale "Dementia Friendly Community" interverranno: Sonia Colombari, assessore al Welfare e Politiche Sociali Comune di Conegliano (TV) ed Elena Bortolomiol, Laura Varago, psicologa per il Servizio Psicologico - Fondazione Santa Augusta ONLUS, quindi sul "Ruolo del Distretto per le persone e i familiari" relazionerà Luigi Canciani, responsabile Distretto Udine, ASUIUD mentre gli aspetti clinici "La malattia di Alzheimer: terapia tra presente e futuro" saranno trattati da Iacopo Cancelli neurologo ASUIUD e consulente “Associazione Alzheimer Udine”.
Seguirà la tavola rotonda con : Miriam Totis, Direttore dei servizi sociosanitari ASUIUD, Guido De Michielis, Alzheimer Udine, amministratori locali, Vincenzo Della Mea, Dipartimento di Scienze Matematiche, Informatiche e Fisiche dell’Università degli Studi di Udine, Antonio Impagnatiello, Dirigente Sistema Locale Servizi Sociali UTI Friuli Centrale, Referenti Ordini degli Infermieri e degli Assistenti sociali della Provincia di Udine e del Centro Servizi Volontariato FVG FVG. Modererà l'incontro Cristina Novelli, esperta servizi sociosanitari per persone Anziane.
Infine, il dibattito e le conclusioni per cui è stato invitato Riccardo Riccardi, Vice Presidente e Assessore alla Salute, Integrazione sociosanitaria, Politiche sociali della Regione Friuli Venezia Giulia

Aggiornata il 5 giugno 2018