Chiudi

Notizie

Proseguono consultazioni su libro verde

Trieste

30 marzo 2009

109 persone registrate su Internet, 269 suggerimenti in risposta alle domande formulate. Sono i primi dati sulla consultazione pubblica avviata a seguito della presentazione, un mese fa, del Libro verde " La vita sana nella società responsabile", il documento predisposto dalla Giunta regionale e propedeutico alla stesura del prossimo Piano sanitario regionale.

A raccogliere l'invito a contribuire al miglioramento della sanità e della protezione sociale in Friuli Venezia Giulia sono stati liberi professionisti, dipendenti del settore, amministratori, rappresentanti dell'associazionismo e del volontariato, e tanti cittadini, che hanno avanzato proposte e fatto osservazioni praticamente su ognuna delle 13 linee strategiche in cui è articolato il Libro verde.

Incentivare economicamente le famiglie al mantenimento presso il proprio domicilio di parenti anziani o con ridotta mobilità; informatizzazione completa di ospedali, aziende e studi medici e parallelo sviluppo delle potenzialità della tessera sanitaria elettronica; istituzione di tavoli di lavoro tematici, anche per meglio integrare sanità e assistenza:  sono queste alcune delle richieste formulate, cui si sono affiancate riflessioni sul ruolo dei distretti, o sulla medicina generale che potrebbe essere coinvolta anche nella prenotazione, oltre che nella prescrizione, di esami e visite specialistiche. Ma anche attenzione verso un rapporto con i cittadini che si concretizzi in iniziative informative per comunicare di più su quanto si sta facendo; e accelerazione sul fronte da un lato della formazione continua del personale, dall'altro della verifica e valutazione della qualità delle prestazioni.

" Presentando il Libro verde - così commenta l'assessore alla Salute e protezione sociale Vladimir Kosic questi primi dati - abbiamo inteso dar voce alla straordinaria ricchezza rappresentata dalle nostre comunità locali, al fitto tessuto di attori sociali,  ma anche a semplici cittadini, affinché chiunque possa sentirsi protagonista della costruzione di un modello di sanità e di assistenza efficiente e incisivo, tempestivo e di semplice accesso. Personalmente sono molto soddisfatto del dibattito che si è aperto e sono convinto che da qui alla fine delle consultazioni, il prossimo 30 aprile, saranno ancora molti i contributi che riceveremo".

Nel frattempo, come era stato previsto, a fianco delle consultazioni pubbliche sono stati organizzati anche dei focus group tematici: una fitta rete di incontri con tutti i soggetti istituzionali per approfondire i singoli temi. E se il primo di essi si è già svolto la scorsa settimana a Codroipo, con il confronto tra l'assessore Kosic e la Conferenza permanente per la programmazione sanitaria, sociosanitaria e sociale, presieduta dal sindaco di Codroipo Vittorino Boem, già domani a Udine (sede Regione, ore 15.30) Kosic incontrerà, assieme al direttore dell'Agenzia regionale della Sanità, Lionello Barbina, il direttivo dell'Anci, presieduto da Gianfranco Pizzolito, e quello di Federsanità, guidato da Giuseppe Napoli.

Già programmati, poi, altri tavoli di confronto e seminari: a Tavagnacco sabato 4 aprile, a seguito di una richiesta del sindaco Pezzetta, su " Welfare di comunità: modelli innovativi" e a Gorizia il 14 aprile sulla cooperazione internazionale. Si parlerà invece di Cure primarie il 17 aprile a San Vito al Tagliamento, mentre sono previsti anche confronti con i rappresentanti delle diverse organizzazioni sindacali.

  ARC/PPD

  PPD

Aggiornata il 16 maggio 2013