Chiudi

Notizie

Presidente Tondo e assessore Kosic: bilanci a posto con più qualità e servizi

ARC - Trieste

5 agosto 2010

La sanità in Friuli Venezia Giulia continua ad essere di qualità, la spesa è sottocontrollo e le azioni di riforma e di riorganizzazione fatte in questa prima parte di legislatura consentono non solo di continuare a garantire il mantenimento dell'offerta di servizi, ma anche di sviluppare nuove attività. E proprio grazie alla capacità di offrire più salute con le medesime risorse, il settore non ha richiesto risorse aggiuntive in sede di assestamento di bilancio e nel 2011 il budget rimarrà invariato rispetto al 2010, ovvero 2,576 miliardi di euro.

Lo ha affermato il presidente della Regione, Renzo Tondo, presentando, assieme all'assessore a salute, integrazione sociosanitaria e politiche sociali, Vladimir Kosic, i contenuti della programmazione annuale 2010 e triennale 2010-12 del Servizio sanitario regionale, che sono coerenti, ha detto, con i programmi dell'esecutivo e le indicazioni del Piano sanitario e sociosanitario.

Sotto il profilo finanziario, è stato evidenziato come anche bilanci delle singole Aziende, sanitarie ed ospedaliere, secondo i dati del primo semestre si sono mantenuti in pareggio, come da previsioni.

Tondo e Kosic hanno anche fatto riferimento alla manovra sul personale, sottolineando che nel primo semestre dell'anno il Servizio sanitario regionale ha visto una riduzione complessiva di 241 dipendenti: un calo che, nell'intento di ridurre la burocrazia e non certo i servizi, ha riguardato prevalentemente il personale amministrativo e ben poco quello direttamente addetto all'assistenza che, anzi, ha fatto registrare un incremento tra gli infermieri. Smentita quindi qualunque ipotesi di riduzione di 5mila dipendenti della sanità nei prossimi cinque anni.

I dettagli dei nuovi servizi attivati o in via di attivazione nel corso dell'anno sono stati forniti da Kosic. Nell'azienda n.3 Alto Friuli si sta potenziando l'attività territoriale grazie all'attivazione dell'Hospice di Tolmezzo, all'ampliamento della RSA di Gemona e all'avvio delle cure riabilitative ad Arta terme.

Previsto poi il potenziamento dell'attività residenziale territoriale nell'ambito di competenza dell'azienda 4 Medio Friuli con l'avvio di un Hospice a Martignacco, l'ampliamento dell'apertura al pubblico dei Centri di salute mentale di Codroipo, Cividale e Tarcento, l'attivazione di una residenza protetta per disabili adiacente all'ospedale Gervasutta di Udine, la presa in carico domiciliare di una decina di pazienti con elevati bisogni assistenziali.

Nel Friuli occidentale sarà introdotta un'ambulanza a Sequals, a servizio della pedemontana pordenonese, avviato avvio entro l'anno un centro per i disturbi alimentari a San Vito al Tagliamento e implementata l'attività domiciliare.

All'ospedale di Pordenone sarà attivata una stroke unit (unità di terapia neurovascolare, reparto semintensivo dedicato alla diagnosi ed alla cura dell'ictus cerebrale in fase acuta) entro il 30 novembre, al Burlo Garofolo di Trieste verrà garantito il parto indolore con analgesia epidurale a tutte le donne che lo desiderano e al CRO di Aviano, dove sarà acquista una nuova Pet (tomografia ad emissione di positroni), partiranno progetti di medicina personalizzata.

Per quanto riguarda il sociale e l'integrazione sociosanitaria, Kosic ha ricordato gli aumenti di dotazioni per il Fondo per l'autonomia possibile e per il Fondo gravissimi destinato al sostegno economico delle famiglie; la programmazione di nuovi posti letto nelle RSA, l'abbattimento della retta nelle strutture residenziali e l'avvio del percorso di riqualificazione delle case di riposo.

Tra gli obiettivi del 2011 previsti dal Piano sanitario, saranno inoltre attivati il Punto Unico di Accesso e il Catalogo dei servizi e dei benefici previsti per offrire omogeneità di percorsi, di modalità e di procedure.

Assicurando il continuo sostegno ai servizi sociali dei Comuni, l'assessore ha spiegato che nel 2010 la Regione ha reintegrato il Fondo sociale, sopperendo ai minori trasferimenti dello Stato.

Aggiornata il 16 maggio 2013