Chiudi

Notizie

Kosic, distribuire servizi valorizzando risorse diponibili

FORUM SANITA' AL CASTELLO DI SPESS : LE SFIDE SOSTENIBILI

13 dicembre 2010

ARC Capriva, 11 dic - Distribuire al meglio i servizi valorizzando le risorse disponibili. Questa la sfida che la Regione intende perseguire anche a fronte della crisi, per rendere la sanità e le politiche sociali più vicine ai bisogni di tutti i cittadini.

Lo ha ribadito l'assessore regionale a Salute e Politiche Sociali, Vladimir Kosic, intervenendo a Capriva al forum " Risorse, professionalità e assistenza per la sanità nel Friuli Venezia Giulia, le sfide sostenibili".

Il forum è stato aperto dal professor Cesare Scandellari, di Padova, il quale ha lanciato un messaggio incisivo sulla necessità di adeguare il percorso formativo dei medici all'evoluzione della richiesta di salute.   Secondo Scandellari, figura di riferimento del settore, già presidente dell'associazione dei presidi delle facoltà di medicina italiane, tuttora la sanità risente dell'antica suddivisione tra la medicina riservata agli schiavi, di pronto effetto e priva di approfondimenti, mirata a rendere il malato rapidamente operativo, e quella dei liberi, maggiormente vicina alle attese e alla completa guarigione del malato e non vincolata alla semplice cura della malattia.

La stessa condizione di salute delle persone si è evoluta nel tempo, proprio in conseguenza delle cure rivolte alla malattia dalla medicina moderna. Ciò ha aumentato l'aspettativa di vita delle persone, trasferendo però l'impegno della medicina alla cura delle cronicità. Medicina che oggi è dunque orientata alla possibilità dell'uomo di convivere in maniera ottimale con gli handicap derivanti dalla malattia.   L'attenta analisi di Scandellari ha anticipato l'approfondimento che è seguito, da parte di Umberto Montaguti, già direttore generale dell'ospedale Umberto I, di Roma, sulle risorse, la professionalità e l'assistenza. Secondo Montaguti il sistema sanitario del Friuli Venezia Giulia risulta particolarmente attraente nei confronti dei cittadini di altre realtà territoriali in conseguenza di scelte efficaci adottate nel tempo.

Ciononostante, secondo Kosic, proprio per consentire al Friuli Venezia Giulia di mantenere la qualità nella salute e nell'assistenza vanno intraprese scelte che perseguano il concetto di centralità della persona, prevedano l'adeguamento dei servizi alle esigenze del territorio, e siano adottate secondo il metodo della trasparenza e del confronto.   Questo per concretizzare pienamente, a vantaggio dei cittadini, gli effetti del principio della responsabilità, che in questo periodo non facile a livello economico, deve pervadere con ancora maggior convinzione gli amministratori.

Kosic ha ricordato che l'Amministrazione regionale ha stabilito di mantenete alto il livello di qualità dei servizi per la salute a favore della comunità, aumentando le risorse destinate alle politiche sociali senza che per questo i costi dell'intero sistema sanitario gravassero ulteriormente sul bilancio.   E facendo altresì in modo che la spesa sanitaria del Friuli Venezia Giulia non fosse incrementata in maniera sensibile e con una percentuale sempre più bassa rispetto alle altre Regioni.

Non solo, ma la Giunta Tondo ha scelto anche di compensare a spese della Regione i servizi non più garantiti dal Fondo sociale nazionale (pari a 200 milioni di euro) per assicurare una politica sociale sempre vicina a chi ne ha necessità.

Al forum sono intervenuti anche il presidente del Consiglio regionale, Maurizio Franz, i consiglieri regionali Franco Dal Mas, Ugo De Mattia, Sergio Lupieri, i direttori generali del Cro di Aviano e del Burlo Garofolo, Piero Cappelletti e Mauro Melato, e Giuseppe Napoli, presidente di Federsanità ANCI FVG

ARC/CM  111515 DIC 10  

Presidente Franz: intervento a forum sanità al Castello di Spessa

(ACON) Trieste, 11 dic - AB - Il presidente del Consiglio regionale Maurizio Franz è intervenuto al forum " Risorse, professionalità e assistenza per la sanità del Friuli Venezia Giulia: le sfide sostenibili" al Castello di Spessa, a margine del convegno sugli aspetti clinici e medico-legali della Clinical governance nelle malattie neuropsichiatriche.

Maurizio Franz si è limitato ad alcune considerazioni di carattere generale, dato il suo ruolo super partes ed ha evidenziato come, nonostante il forte impegno della Regione nella sanità, la spesa continui a lievitare. Bisogna quindi chiedersi subito fino a quando sarà possibile sostenere questi incrementi e pensare a vere riforme strutturali che, superando le logiche di campanile che spesso le ritardano o le impediscono, consentano di mantenere gli attuali livelli di sanità.

A giudizio del presidente Franz, non solo ogni riforma deve essere preceduta da un'attenta analisi della spesa e del contesto territoriale sul quale si intende intervenire, ma dev'essere condivisa e coinvolgere tutte le parti interessate, compresi gli operatori e gli utenti, pena il suo fallimento.

Non sono un tecnico del settore e non mi azzardo a proporre nuovi assetti organizzativi tra territorio e ospedale - ha concluso Franz - ma nella logica del miglioramento dei servizi vanno sicuramente studiate quelle situazioni già presenti in Italia e all'estero dove questi nuovi assetti organizzativi hanno dato e stanno dando risultati interessanti.

Aggiornata il 16 maggio 2013