Chiudi

Notizie

Alleanza tra ordine infermieri della Provincia di Udine, Federsanita' A.N.C.I. F.V.G. e Cittadinanzattiva.

REDAZIONE

29 giugno 2020

Primo incontro nel Municipio di Tavagnacco: proposte per rafforzare i servizi sul territorio e le Case di Riposo

Si è tenuto, nei giorni scorsi, presso il Municipio di Tavagnacco, l’incontro promosso dall’Ordine delle professioni infermieristiche di Udine con una rappresentanza ristretta di Federsanità ANCI FVG. Hanno partecipato : Stefano Giglio, presidente dell’Ordine per Federsanità ANCI FVG, il presidente Giuseppe Napoli, il sindaco di Tavagnacco, Moreno Lirutti (componente ANCI FVG dell’Ufficio di Presidenza) e la segretaria regionale, Tiziana Del Fabbro, per la Direzione sociosanitaria di ASUFC, Meri Marin e il presidente di Cittadinanzattiva, Andrea Plazzotta.

Al centro della riunione la qualità dei servizi sanitari e sociosanitari per i cittadini, alla luce dell’esperienza dell’emergenza COVID- 19 e, in prospettiva, per l’attuazione della Riforma del Sistema sanitario regionale sul territorio e in vista del Piano sociale.
Nel richiamare il Codice deontologico degli Infermieri, Giglio si è soffermato sul tema della tutela del cittadino in ambito sanitario e nei diversi contesti che contraddistinguono la professione infermieristica, sempre più fondamentale, sia in Ospedale che sul territorio. In particolare, ha richiamato il ruolo professionale all'interno della società, il percorso formativo, le carenze di organico in ambito ospedaliero e territoriale nonché e importanti differenze stipendiali che interessano le componenti della sanità pubblica e privata e le Case di riposo. Sono state, quindi, approfondite le ragioni che incidono sulla qualità delle prestazioni erogate e sulla difficoltosa presa in carico delle problematiche di salute del cittadino, in particolare per le persone anziane e non autosufficienti. Difficoltà che emergono soprattutto in ambito territoriale, nelle residenzialità e nell'ambito del sociale dove lo sviluppo dell’”infermiere di comunità” (per cui la Regione Friuli Venezia Giulia è stata apripista a livello nazionale) e "di famiglia" potrebbe – secondo Giglio - garantire interessanti prospettive.
Da parte sua il presidente Napoli ha espresso stima e riconoscenza, tramite i presenti, a tutti gli infermieri, i medici e gli operatori sanitari e sociosanitari della nostra Regione per avere affrontato adeguatamente e con immenso impegno la recente emergenza pandemica. Si è trattato di un’esperienza drammatica dalla quale è emerso, tra le altre, il ruolo strategico delle persone e dei servizi che rappresentano la “Sanità e la Salute sul territorio”- ha evidenziato Napoli. Da cui l’invito alla Regione a investire di più sul personale (formazione, etc.) e le strutture per Distretti, Servizi sociali dei Comuni, ASP-Aziende Pubbliche Servizi alla Persona, Case di Riposo comunali e altre strutture per le persone anziane e non autosufficienti. E proprio a garanzia della Salute dei cittadini sul territorio si è concordato di consolidare e ampliare questa alleanza operativa per definire insieme, entro breve, proposte utili per la Regione per attuare la Riforma del SSR e garantire la migliore qualità dei servizi per i cittadini.

Aggiornata il 29 giugno 2020