Chiudi

Notizie

Tondo, entro luglio riforma in giunta regionale

ARC Palmanova

3 luglio 2012

" Il 12 o il 19 luglio porterò la riforma sanitaria all'attenzione della Giunta regionale, poi passerò ad altri questa delega. Dopo l'approvazione giuntale la proposta di riforma sarà oggetto di consultazione e quindi potrà iniziare il cammino in Consiglio regionale. Su questo percorso io spero che ritroveremo unità responsabile, altrimenti vorrà dire che prevarrà ancora una volta la logica del campanile. Dobbiamo uscire da questa logica per garantire ai cittadini servizi sicuri e di qualità".

L'affermazione è del presidente della Regione Renzo Tondo intervenuto al convegno " Sanità, quale riforma" organizzato a Palmanova dalla Uil del Friuli Venezia Giulia e al quale hanno portato il loro contributo sindacalisti ed esperti, fra i quali i già assessori regionali alla sanità Ezio Beltrame e Gianpiero Fasola ed il presidente di Federsanità Giuseppe Napoli. Per Tondo, " davanti al decremento di risorse che la Regione deve registrare da due anni a questa parte e con un futuro non certo roseo, con una popolazione sempre più anziana e una sempre maggiore richiesta di servizi da parte dei cittadini dobbiamo garantire la sostenibilità del sistema. Come Regione abbiamo lavorato abbattendo il debito, garantendo risorse per il sociale e per la sostenibilità delle imprese, investendo nelle infrastrutture". Dopo aver rimarcato che la sanità deve essere unica ed omogenea su tutto il territorio regionale, il presidente ha ricordato il processo di riforma generale del sistema avviato dal governo regionale: riduzione del numero dei consiglieri regionali (" siamo in attesa delle approvazioni da parte del Parlamento nazionale"), riduzione da 10 a 8 del numero di assessori e delle segreterie, riforma delle ATER e degli ERDiSU: " ora tocca alla sanità. La mia proposta iniziale era più spinta, tuttavia ho registrato le resistenze di un sistema che non è ancora pronto".

" Per tale motivo - ha concluso Tondo - le aziende territoriali saranno tre con gli ospedali di rete; due le aziende ospedaliero-universitarie; una quella ospedaliera. È chiaro che ogni riforma comporta delle resistenze, ma auspico che su questa ci sarà un dibattito serio e motivato e non una mera protesta di qualche comitato. Bisogna guadare avanti per salvare il sistema". ARC/NNa

SANITA' QUALE RIFORMA?

dal sito internet www.uilfvg.org

E' da mesi, ormai, che l'opinione pubblica regionale si confronta e si divide su ipotesi di riforma della sanità. Ma qual è la più opportuna per il Friuli Venezia Giulia? Per discuterne, la UIL FVG organizza un convegno martedì 3 luglio alle ore 9.30 presso la Sala San Marco, in via Scamozzi 5, a Palmanova.

" Quello della sanità è un tema che investe direttamente aspetti fondamentali quali la qualità della vita, la coesione sociale, il senso di comunità. Al contempo è un capitolo di spesa che impegna oltre la metà del bilancio regionale. L'approccio non deve perciò avvenire in base a formule o schemi che troppo spesso riconducono più a ragioni di parte (o di campanile) che a criteri di qualità ed efficienza del servizio sanitario - spiega il segretario generale della UIL FVG Giacinto Menis, che aprirà i lavori con i saluti introduttivi -. Lo scopo del nostro convegno è anteporre i problemi alle soluzioni, ponendo al centro le questioni della salute dei cittadini e del migliore utilizzo delle risorse disponibili".

Per la UIL del Friuli Venezia Giulia è necessario fare chiarezza su alcuni nodi cruciali come conciliare l'obiettivo dell'uniformità del servizio con l'esigenza di offrire risposte mirate alle specifiche necessità delle differenti realtà sociali, economiche e demografiche; assicurare che il settore privato diventi parte integrante di un servizio sanitario la cui esigibilità e universalità sia garantita dal settore pubblico, cui spetta il ruolo di governo e programmazione; favorire l'integrazione dei servizi sanitari erogati dai distretti con quelli socio-assistenziali assicurati dagli enti locali.

Dopo la relazione del responsabile welfare UIL FVG Tiziana Spessot, ci sarà spazio per il dibattito con gli interventi, tra gli altri, del presidente della Regione Renzo Tondo, del presidente di Federsanità ANCI FVG Giuseppe Napoli, degli ex assessori regionali alla salute Gianpiero Fasola ed Ezio Beltrame e del direttore regionale sanità e politiche sociali Gianni Cortiula. Chiuderà i lavori il segretario nazionale UIL Carlo Fiordaliso.

Aggiornata il 16 maggio 2013