Chiudi

Progetti

ASP - Aziende pubbliche Servizi alla Persona

Aziende pubbliche Servizi alla Persona e Consorzi C.I.S.I. e C.AM.P.

Elenco strutture e link alle schede di presentazione

A.S.P. che operano su territorio del Friuli Venezia Giulia

Provincia di Trieste
ASP ITIS Trieste
ASP Istituto regionale per i ciechi Rittmeyer, Trieste
ASP Pro Senectute, Trieste

Provincia di Udine
ASP “La Quiete”, Udine
ASP “La Carnia”, Tolmezzo
ASP “Casa per Anziani”, Cividale del Friuli
ASP “D. Moro”, Codroipo
ASP “Umberto I”, Latisana
ASP “Ardito Desio”, Palmanova
ASP “G. Chiabà”, San Giorgio di Nogaro
ASP “Fondazione Muner dè Giudici”, Pradamano
ASP “Casa di riposo "Giuseppe Sirch”, San Pietro al Natisone
ASP Covil “Matteo Brunetti”, Paluzza

ASP "Opera pia Coianiz",  Tarcento

ASP "Stati Uniti d'America", Villa Santina

 

Provincia di Pordenone
ASP "Umberto I", Pordenone
ASP Cordenonese "Arcobaleno"
ASP "Daniele Moro" Morsano al Tagliamento
ASP di Spilimbergo

ASP "Casa Lucia" Pasiano di Pordenone

ASP "Solidarietà" Azzano Decimo

 

Consorzi
C.A.M.P.P – Consorzio per l’ Assistenza Medica e Psico Pedagogica
C.I.S.I. – Consorzio Isontino Servizi Integrati

 

NORMATIVE REGIONALI

La legge regionale 11 dicembre 2003, n.19 “Riordino del sistema delle istituzioni pubbliche di assistenza e beneficenza nella Regione Friuli Venezia Giulia” disciplina i procedimenti per la trasformazione delle Istituzioni Pubbliche di Assistenza e Beneficenza, già disciplinate dalla legge 17 luglio 1890, n.6972 (Norme sulle Istituzioni Pubbliche di Assistenza e Beneficenza) in Aziende pubbliche di Servizi alla Persona, ovvero in persone giuridiche di diritto privato.


Legge regionale 31 marzo 2006, n. 6 “Sistema integrato di interventi e servizi per la promozione e la tutela dei diritti di cittadinanza sociale”. Le Leggi regionali emanate dal 2003 ed in particolare la legge regionale 6/2006 hanno l’obiettivo generale di promuovere il benessere della comunità regionale attraverso l’innovazione e lo sviluppo del sistema di welfare regionale. All’interno di una diffusa rete solidale, istituzionale ed informale, sono stati programmati azioni ed interventi che pongono al centro del sistema la persona e la sua famiglia.
Un primo obiettivo è il superamento dell’ottica meramente assistenziale e l’affermazione, invece, di una strategia di integrazione delle diverse politiche del welfare, specie per quelle che incidono sulla qualità della vita dei cittadini. Un altro obiettivo è l’innovazione di un impianto per molti versi superato, attraverso il rilancio di un sistema istituzionale e di servizi sociali capace di garantire un alto livello d’offerta.

 

Aggiornata il 9 marzo 2018

Posti letto per persone autosufficienti e non